nihilest

Metafisica - Appunti sul soprasensibile immoto

METAFISICA

CONTINGENTE

Introduzione

Lungi dal voler esporre un chiarimento definitivo e dogmatico di quanto non percepibile ai sensi, ma certamente reale quanto la materia sensibile, in questa sezione vengono affrontati alcuni degli argomenti che sono oggetto di domande cui le risposte sono nulle o teoriche. Ogni individuo, deve pur essersele poste, magari unicamente nel periodo dello sviluppo cognitivo, quando adolescente con sete di conoscenza e affascinato dal mondo circostante da poco conosciuto, si pone infinite domande. L'improbabilità delle risposte a quesiti di tipo spirituale, provocano atteggiamenti diversi, alcuni soggetti mettono da parte gli interrogativi che risultano troppo opprimenti, altri si adagiano su di una vaga opinione quale che essa sia per mettere a tacere la perplessità, altri ancora, atteggiamento più diffuso, si adeguano a teorie espresse da altri e asseverate da molti.

La precisazione necessaria da tener poi presente è che qui è esposta una teoria che potrebbe anche essere confutata o rettificata ma che propone la ricerca oltre gli eventi sensibili circostanti spinta dall'esigenza umana di una comprensione superiore, pertanto non è la risposta che vuole essere protagonista ma il porsi la domanda e provare a rifletterci su. Al di là del dissenso o dell'approvazione, promuove il pensiero individuale che ognuno può liberamente impegnare nella ricerca del vero. Gli errori possono essere tanti, le risposte madri di altre domande. Nessuno e niente può divenire oggetto di un ostile scherno, bensì trattasi di mente libera di pensare, che ascolta, valuta ed elabora. A tal proposito, un'ulteriore precisazione è che critiche di eminenti professori, sarebbero poco appropriate, in quanto ciò che è espresso rappresenta un dialogo rivolto a individui parimenti curiosi senza alcuna velleità scientifica o dottrinale, ma in ambiente di parità e scambio.

Apporre "appunti" nel titolo è una deliberata affermazione della natura dei testi, che potrebbero dimostrarsi poco approfonditi o male organizzati, ma intendono svolgere la loro funzione principale, che non è l'arrogante dichiarazione del vero, bensì è da considerarsi come una stimolazione al pensiero proponente un semplice punto di vista.