nihilest
Cenni sull'occulto

Corpo ultramateria

La parte più “magica” dell'esistenza coinvolge il corpo eterico, che si pone tra l'entità corporea e l'anima. Essa è una forma energetica che è interdipendente con il proprio elemento tangibile e ne costituisce la parte più sottile dell'essere.
Qualsivoglia forma di vita, non soltanto umana, animata e non, possiede tale corpo eterico che può manifestare una maggiore o minore reciprocità di influenza. In molti aspetti della quotidianità si verificano fatti che vengono catalogati come strani, tipo coincidenze, intuizioni, deja vu, per non parlare di casi più estremi la cui autenticità risulta alquanto discutibile. Tali metaeventi però non sono comunemente considerati come oggetto di interesse e abbandonati dal positivismo collettivo che pervade la società umana contemporanea. La materia è il soggetto principale del piano esistenziale relativo pertanto la forte consapevolezza consolida il continuum spazio/tempo e il principio causa/effetto ed i fenomeni paranormali sono assolutamente radi e di irrilevante consistenza. Tuttavia è riconosciuto anche dall'osservazione scientifica la presenza di un corpo energetico, per quanto ne sia scorto soltanto l'aspetto più materiale. La potenzialità del corpo eterico va oltre il concetto limitato del corporeo, esso non è ingabbiato nel piano ma supera la consapevolezza con i limiti annessi e può volgere uno “sguardo” spirituale cosciente al tutto, in quanto è soggetto dell'individuo, che però ignora tale aspetto (io consapevole).
La ricerca della spiritualità è a dir poco una ipotesi inverosimile nella società contemporanea, la cui globalizzazione speculativa votata al materialismo compulsivo rinnega qualsiasi crescita individuale che non possa essere identificata con un prodotto fisico. La mente è culturalmente inibita da restrizioni autogene, dettate dall'esterno, e determinate funzioni potenziali catalogate come irrealistiche non sono nemmeno concepibili. Ad esempio si cerca e si ottiene un oggetto che con la sua stregoneria consenta di comunicare con individui distanti senza nemmeno ipotizzare che un'analoga stregoneria potrebbe permettere una connessione mentalmente (per mezzo del corpo eterico) .
In un ipotetico viaggio spirituale (o astrale o eterico), l'individuo pone la maggiore priorità essenziale al corpo eterico, esso permette la comprensione e la manifestazione di eventi non consequenziali, mentre la consapevolezza si va assottigliando. In una condizione siffatta si creerebbero fenomeni che esulando dalla progressione della normalità si affaccerebbero a quanto definito come incredibile.